HomeSiciliaMotoStradeArchivio foto SiciliaEventi & raduniNewsLibri
UsatoMercatino ricambi & accessoriI blogGli albumLink a siti amiciGuestbook
User: Password:    Registrati  -   Hai dimenticato i dati?

News

Torna all'elenco delle news


02/12/2010

Biaggi chiude i test SBK davanti a tutti

A Phillip Island Max è primo. Laverty il più rapido con gomma da tempo

PHILLIP ISLAND – Max Biaggi è la certezza, Eugene Laverty la sorpresa e Marco Melandri l’incognita. L’Aprilia ha dominato anche la terza e ultima giornata dei test australiani con un Max Biaggi un forma strepitosa. Alla fine della sessione, chiusa in anticipo per la pioggia, Biaggi ha ottenuto lo stesso tempo di Eugene Laverty, sorprendente debuttante Yamaha. Ma il rispettivo 1’32”1 ha significati ben differenti: Biaggi ha mostrato una consistenza impressionante, Laverty invece c’è arrivato all’ultimo tuffo e nella simulazione sulla distanza, fatta al mattino, ha concluso a ritmo decisamente lento, sopra 1’34”.

Laverty ha fatto un run anche con la gomma da qualifica girando in 1’31”5, prestazione ottima ma che non cambia il quadro generale: tutti gli altri hanno lavorato solo con coperture da gara. C’è anche da sottolineare che Laverty ha girato con la R1 2010 che ha l’iniezione “racing” (iniettori e pompa non di serie) e quindi non in linea con il nuovo regolamento.

Biaggi, firmato il biennale che lo legherà all’Aprilia fino allo scadere del 2012, è ripartito alla grande: imprendibile nella tre giorni di Aragon, sempre davanti qui in Australia. E’ ancora lui il pilota da battere.

Marco Melandri, in crisi il primo e secondo giorno, è arrivato a soli tre decimi dal campione del mondo risolvendo parte dei problemi di gioventù lamentati dalla Yamaha 2011. “Ho girato quasi sempre con la moto nuova perché è quella che useremo e non ha senso perdere tempo con la 2010, comunque in questo momento più competiva” ha spiegato il ravennate. “Sono abbastanza contento e sono convinto che quando torneremo per la gara (27 febbraio, ndr) diremo la nostra.”

Il responso dei test, tempi a parte è: Biaggi sempre in vantaggio, Melandri cresce bene (ha girato quasi sempre con la R1 2011) e Laverty velocissimo sul giro secco ma incognita sulla distanza e non a suo agio con la 2011, quasi mai utilizzata.

Paolo Gozzi

I tempi finali
1. Biaggi (Aprilia) 1'32"1 (50 giri)
2. Laverty (Yamaha) 1'32"1 (68 giri) (1'31''5 con gomma morbida)
3. Melandri (Yamaha) 1'32"4 (59 giri)
4. Camier (Aprilia) 1'32"5 (45 giri)








Google
 
Web www.siciliaemoto.it


Sviluppato da Tekno Solutions